AnnunciArchitetturaArredamentiDesignProgettiRistrutturazione Casa: a quali Stili mi posso ispirare? - Mobili Noé

La ristrutturazione della casa è un presidio di creatività assoluto, che si sposa con la necessità di rinnovamento e il desiderio di personalizzare un appartamento appena acquistato. Dallo stile country a quello classico, dal vintage al moderno sono tantissimi gli stili a cui ci si può ispirare per realizzare la casa dei nostri sogni e che grazie al team di professionisti di costo-ristrutturazione-casa sarà possibile ottenere.

Stile country
Gli amanti delle atmosfere calde in stile country probabilmente sono in possesso di una casa antica, magari una cascina. Sarà utile mantenere certi elementi originari che potranno ricreare un ambiente di carattere, per esempio le travi a vista – che guidano lo sguardo attraverso le stanze – e le pareti in pietra. Per quanto riguarda la scelta dei pavimenti, nello stile country l’ideale sarà il cotto oppure il gres porcellanato ma sempre in tonalità chiare o nelle gradazioni del marrone. La mobilia sarà di recupero oppure anticata, con un effetto “decapé”.

Stile vintage
Lo stile che strizza l’occhio al passato e lo attualizza è apprezzato per la sua capacità di suscitare nostalgia. I mobili assumono una valenza espressiva grazie ai segni del tempo evidenziati ad arte. Lo stile vintage è stravagante ed eccentrico, un tuffo indietro fino agli anni Venti. E’ fatto di stampe d’epoca, macchine da scrivere con i tasti neri e radio che diventano amplificatori bluetooth. La regola aurea? Dal momento che il vintage abbraccia diverse decadi del secolo scorso, è bene evitare di mescolare oggetti troppo diversi e appartenenti ad epoche distanti: l’effetto caos è dietro l’angolo.

Stile classico
Gli amanti della tradizione e delle linee morbide troveranno nello stile classico un porto sicuro. Guardare al passato attraverso i mobili d’epoca è sempre bello: un modo per offrire un’identità elegante e sobria agli ambienti, scanditi da elementi decorativi e intarsi che richiamano alla tradizione e all’artigianalità. Il massiccio ricorso al legno – anche per il parquet – è un tratto essenziale dello stile classico, così come lo sono le ricche imbottiture dei sofà rivestiti in tappezzeria. Il pavimento dovrà dialogare con le pareti e gli arredi, anche in fatto di colore: sì a color crema e bianco perla o grigio e rosa con venature.

Stile moderno
Le grandi città sono spesso dominate da traffico e rumori, ecco perché le abitazioni inserite in un simile contesto hanno bisogno di ispirare ordine, funzionalità e pulizia nelle linee. Le geometrie prendono il sopravvento e scalzano le decorazioni o gli accessori sfarzosi. Il contrasto è tra i materiali – soprattutto vetro e acciaio – inoltre a dominare sono i tratti minimal e l’ottimizzazione degli spazi. Una casa piccola e moderna spesso si sviluppa in verticale, con l’intervento di mobili multifunzione o dotati di rotelle per interpretare le necessità di stanze diverse.

Stile provenzale
Quando si parla di stile provenzale la mente corre alle campagne francesi. L’ispirazione arriva proprio dalle case e dalle residenze immerse nel verde. Il rigore dello stile moderno è lontano anni luce: si esaltano linee morbide, accoglienti ed essenziali. I colori dominanti sono quelli che raccontano la primavera, che così dura tutto l’anno. Giallo mimosa e blu di Prussia dialogano con vetro, paglia e fiori su cuscini, tovaglie e lenzuola. I rivestimenti sono spesso in pietra (all’interno e all’esterno), inoltre la mobilia è di recupero e trattata ad hoc per evidenziare le striature del legno.

Stile rustico
Qui il legno viene impiegato largamente, lasciato in uno stato grezzo, da abbinare ad altri materiali caldi come il cotto e il ferro. Il richiamo della natura è evidente nella scelta dei colori: verde scuro, marroncino e mattone ma anche bianco. Le finestrature sono ampie, per facilitare l’accesso della luce naturale al massimo. Lo stile rustico può essere scelto per interpretare certi angoli della casa ai quali si vuole imprimere un carattere accogliente, per esempio un angolo lettura con una lampada a terra e una poltrona relax. Appendete quadri con paesaggi di campagna e foto di famiglia, per un tocco suggestivo.

Stile industriale
L’ambiente plasmato secondo i dettami dello stile industriale – nato in America negli anni ‘50 – si caratterizza per materiali grezzi e oggetti di recupero tipo fabbrica. Tubi, lampade a vista e tonalità scure la fanno da padroni nel living che è quasi privo di decorazioni tradizionali, fatta eccezione per tappeti geometrici o in cavallino sformati. Pietra e resina sono abbinate a superfici e pareti ruvide. E’ lo stile perfetto per loft e open space ma è in grado di interpretare anche spazi ridotti, giocando sulla percezione dei volumi. Lampadari e tendaggi sono scuri: contrastano con la luce che si riflette su librerie e divani con penisola.

Qualunque stile si decida di imprimere all’appartamento attraverso la ristrutturazione, per la progettazione e i migliori consigli estetici l’ideale sarà affidarsi a Costo Ristrutturazione Casa che sarà in grado di soddisfare ogni esigenza.

Fonte: The Interior Design


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://mobilinoe.it/wp-content/uploads/2020/10/logo_transparent-320x320.png

Disegnamo Insieme

Uno dei motivi per cui siamo diventati interior designer in primo luogo è stato perché amiamo collezionare e poi mettere tutto insieme. Ma quando progetti la tua casa, la cosa più difficile è finirla, poiché aggiungi sempre la tua prossima cosa preferita e alla fine non c'è più spazio.
Social

Copyright 2020 by MOBILI NOE’. All rights reserved.

Powered by GipiDGT