AudioDesignInteriorIntervista Con Stephen Grudier - Mobili Noé

È difficile parlare dell’interior designer Stephen Gruider senza usare la parola chic. Contrariamente all’effimero, il suo lavoro trasuda un’eleganza senza tempo che lo ha reso uno degli interior designer più ricercati nel panorama internazionale. Insieme al suo team sulla Madison Avenue di New York, Stephen affronta ogni progetto da più angolazioni: dall’architettura al design del prodotto, il designer non dimentica mai la funzione o il contesto nelle atmosfere che orchestra. Nominato costantemente tra i migliori designer di interni al mondo, il lavoro di Sills è stato descritto come “una lucida sintesi di opulenza, rigore e sorpresa”. Cinque anni fa, ha pubblicato Stephen Sills Decoration, una monografia che offre al mondo uno sguardo ad alcuni degli interni più pensati del designer realizzati sia per progetti commerciali che residenziali. Tra i suoi progetti più recenti, Stephen annovera una casa fronte mare a Napoli; residenze di lusso in Florida, Southampton e New York; due appartamenti a Miami; la conversione di due edifici prebellici a Manhattan in cooperative di lusso; il ristorante Chevalier e due residenze private al Baccarat Hotel di New York. Se ciò non bastasse, la sua casa di campagna a Bedford una volta era definita “la casa più chic d’America” ​​da Karl Lagerfeld, che da anni adora il lavoro del designer.

Stephen, andiamo subito al punto. Qual è il tuo segreto per il successo?

Credo davvero che riguardi tutto ciò che vuoi trasmettere. Se ci pensi, nel corso della storia, i designer hanno sempre guardato al passato per reinterpretare o reinventare qualcosa, per dargli nuova vita. Tuttavia, quando si realizza questo processo è importante mantenere un approccio contemporaneo al design. Penso che tu possa capire che da italiani, come hai la fortuna di appartenere a una cultura che lo fa da oltre 2000 anni …

Gli interior designer seguono spesso le tendenze e vendono “look”. Come crei progetti che trascendono questo e non invecchiano mai?

Semplicemente non seguo le tendenze. Alcune persone decidono di diventare interior designer o decoratori senza il desiderio di fondo di conoscere o comprendere i mezzi con cui lavorano. Ci siamo trovati in un momento in cui la decorazione è spesso ridotta al termine “stile” e tutto può rimanere un po ‘superficiale. La responsabilità di un bravo interior designer – per quanto mi riguarda – è quella di dare al proprio cliente uno spazio che lo rispecchi meglio nel tempo. Per arrivare a questo punto, abbiamo davvero bisogno di scavare alla radice delle cose, realizzando uno spazio in cui il cliente vuole veramente vivere per il tempo a venire …

Cosa ti ispira ogni giorno nel tuo lavoro?

Qualunque cosa i miei occhi siano attratti: colori stagionali, nevicate, un oggetto scultoreo trovato in un negozio di souvenir durante un viaggio …

Cosa diresti a uno studente che cerca di seguire le tue orme?

Che questo è un affare difficile e un lavoro a tempo pieno. Ma se lo ami, ti sentirai sempre come se fossi in vacanza.

Cosa cerchi quando assumi nuovi membri per il tuo team?

Il nostro candidato ideale è una persona appassionata di interior design, pronta a lavorare sodo, a imparare e osservare; non hanno paura di sporcarsi le mani, sia che ciò implichi passare ore in cantiere a posare un elemento, sia che lavori tutto il giorno davanti al computer.

In ognuno dei tuoi progetti c’è un chiaro riferimento al classico, che ci ha portato a dedurre che sei un fan. Il mondo, invece, grazie alle nuove tecnologie e all’intelligenza artificiale, prosegue verso interni sempre più tecnologici. Quali sono i tuoi pensieri in merito?

La tecnologia è una cosa, ma la tendenza moderna, stantia e monotona che continua a diffondersi in tutto il design oggi è qualcosa di cui spero ci sbarazzeremo. Mi piacerebbe sempre vedere un ritorno al classico …

A cosa lavorerai dopo la nostra intervista?

Proprio la scorsa settimana ho terminato una casa in Florida e ora sto lavorando a una residenza privata negli Hamptons e a un complesso di appartamenti in Park Avenue. Qual è la lezione più importante che hai imparato attraverso il tuo lavoro? Non finisci mai di imparare. Ho ancora molte domande e continuerò a cercare le risposte. Anche se una cosa ho imparato dopo 40 anni: essere bravo non significa rompere le convenzioni, ma piuttosto significa avere un grande vocabolario e saperlo usare con precisione ed equilibrio. Fino a quel momento penso di essermi avvicinato al mio lavoro con un po ‘di tensione – da cui mi sono liberato – e posso finalmente godermi l’unicità di ogni progetto. È fantastico.


Quando non lavori, cosa fai?

Il giardinaggio è una grande passione per me. Mi piace anche collezionare oggetti e libri antichi. Karl Lagerfeld ha definito la tua casa Bedford, “la casa più chic d’America”.

Puoi parlarcene un po ‘?

È difficile da descrivere perché la mia casa non può essere necessariamente identificata con un solo stile particolare. Ho voluto creare una giustapposizione riflettente di colori e texture con arredi classici che, per me, sono molto più originali delle proliferanti “tattiche d’urto” che spogliano gli spazi della loro anima. Ho progettato ogni area facendo riferimento al passato con un occhio fresco ma esperto – qualcosa che mi ha dato un senso molto chiaro del presente. Mi considero fortunato ad avere intorno arredi e oggetti così incredibili, che hanno tutti un significato e una storia profondi per me …

Fonte Elite Decor

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://mobilinoe.it/wp-content/uploads/2020/10/logo_transparent-320x320.png

Disegnamo Insieme

Uno dei motivi per cui siamo diventati interior designer in primo luogo è stato perché amiamo collezionare e poi mettere tutto insieme. Ma quando progetti la tua casa, la cosa più difficile è finirla, poiché aggiungi sempre la tua prossima cosa preferita e alla fine non c'è più spazio.
Social

Copyright 2020 by MOBILI NOE’. All rights reserved.

Powered by GipiDGT